Riforme istituzionali

Pubblicato da il 27, Giu, 2013 in La Riforma dello Stato |

Pubblichiamo la lettera dell’avv. Fausto Capelli che fa seguito al convegno del 4 giugno u.s. (versione pdf per la stampa) Oggetto: Riforme istituzionali Carissimirispondo alle vostre perplessità. I problemi bisogna cercare di risolverli, invece di crearne di nuovi. Mezzo secolo di applicazione del sistema istituzionale che attualmente abbiamo, ha dimostrato che i problemi dell’Italia non solo non sono stati risolti, ma che sono...

Leggi...

Libertà è partecipazione: noi ci siamo

Pubblicato da il 23, Giu, 2013 in Blog |

Nell’Ottobre scorso scrissi questo pezzo, pubblicato sulla versione on line del  Corriere della Sera.Mi sembra tuttora molto attuale perché spiega, dalla mia prospettiva personale,  le motivazioni e  il mio impegno in questo progetto che abbiamo deciso di chiamare “Le Forme della Politica”. Caro Beppe, cari Italians, scrivo per condividere una storia personale e per dare un messaggio, se posso, di positività. Dove siamo arrivati lo vediamo...

Leggi...

La “grande riforma” funzionale al “porcellum”

Pubblicato da il 18, Giu, 2013 in Blog |

Autore: Ugo Genesio* Afferma Enrico Letta che “le riforme strutturali della Costituzione sono funzionali alle altre riforme sollecitate dall’Europa”. Su questo punto Letta ha ragione: fra le importanti riforme che l’Europa ci sollecita non sono comprese le riforme strutturali della Costituzione.Sta di fatto che, a parte la questione se l’Italia abbia bisogno di solleciti esterni per realizzare le riforme necessarie...

Leggi...

REGOLE PER L’ETICA O ETICA PER LE REGOLE ?

Pubblicato da il 14, Giu, 2013 in Blog |

DICE MAURO NOVELLI Il PuntO n° 269 Le regole servono a chi non sa regolarsi. Risposta a Franco Puglia (Verso la terza repubblica) sulla pagina FB di “Le Forme della Politica”. Di Mauro Novelli 9-6-2013 Prima di guardare alle forme della politica – per cambiarle – ritengo si debba puntare al recupero della perduta capacità di “reputare”, una volta appannaggio di ciascun cittadino. Mi spiego. Da circa 40 anni, la nostra classe dirigente ha...

Leggi...

Le ragioni del mio disincanto

Pubblicato da il 9, Giu, 2013 in Blog |

«A la guerre comme à la guerre» recita un motto nato in terra di Francia, dove di rivoluzioni e di guerre hanno sempre viva la memoria. Nella violenza più efferata, espressa senza l’inibizione della morale e il freno delle regole, si coglie una libertà d’azione pari solo a quella dell’artista. Come può il comune senso civico illudersi di poterla arginare? «Un recinto con un buco è ancora un recinto?» domandava provocatoriamente Ludwig...

Leggi...